Feeds:
Articoli
Commenti

H. Venosa – Fasano: 2 – 1 (09/03/2008)

 img_2413.jpg

 

 img_2447.jpg

img_2442.jpg

 

 

 

 img_2448.jpg

img_2451.jpg

img_2452.jpg

img_2455.jpg

 

 

 

img_2441.jpg

 

 

Ischia – H. Venosa: 1 – 1 (02/03/2008)

 1995846926pirrovenosa1-1.jpg 

2142909297costanzovenosa1.jpg

 

img_2085.jpg 

  img_2339.jpg

img_2333.jpg

img_2331.jpg

 

 img_2087.jpg

 img_2334.jpg

 

Saurino esulta dopo l’iniziale vantaggio ischitano

864800379saurinogolvenosa1.jpg 

Matera – H. Venosa: 2 – 1 (24/02/2008)

 

img_2085.jpg 

img_2309.jpg

img_2307.jpg  

img_2310.jpg

 

 

 img_2087.jpg

img_2313.jpg 

img_2315.jpg

img_2317.jpg

 

H. Venosa – Francavilla: 0 – 0 (17/02/2008)

img_2238.jpg

 

img_2085.jpg 

  img_2251.jpg

img_2252.jpg

 

 img_2087.jpg

 img_2256.jpg

Derby emozionante: ma il gol latita

 

  

Quarto – H. Venosa: 1 – 0 (10/02/2008) 

 

img_2085.jpg 

  Una invenzione di Conte sul finire non salva l’Horatiana

Venosa punito da Langella

Il Quarto vince e scavalca in classifica l’Horatiana

  SPOGLIATOIO _ Il Tecnico: “Si deciderà tutto ai play out”.

Di Pasquale: “E’ un risultato bugiardo”.

  

  gdm_testa_011.gif  

   

Un rigore costa caro     

  

all’Horatiana   

  

  

  

 img_2087.jpg

 Un rigore dubbio condanna  un Venosa di nuovo out fuori causa.

  

H. Venosa,

  

cattivi presagi a Quarto

  

I gialloverdi di Di Pasquale piombano nei play out

  

H. Venosa – Pomigliano: 0 – 2

 

img_2085.jpg 

  img_2218.jpg
Nella ripresa il Pomigliano passa con Pastore 
raddoppia con Alterio ed è ko amaro

Venosa, un brutto scivolone

  Traversa colpita da Ciocia nella prima parte di gara 

img_2208.jpg  

SPOGLIATOIO _ Il Tecnico: “In questo momento bisogna far quadrato 

e lo dico alle varie componenti e a tutto l’ambiente”.

Di Pasquale: “Dobbiamo restare uniti”.

  

 

  gdm_testa_011.gif  

   img_2230.jpg

    

L’Horatiana Venosa ko

  

contro un cinico Pomigliano 

  

  

  

 img_2087.jpg

 img_2215.jpg

 Il Pomigliano trova la porta dei lucani in due occasioni

e si assicura punti pesanti per la salvezza.

  

Venosa, venti di play out 

Gara influenzata dalla tramontana

e dall’astinenza delle punte oraziane

  Spogliatoio _ Mister Di Pasquale non cerca scusanti

“CHI AMA IL VENOSA CI STIA VICINO”  

  

  PAGELLE

Baratto e Branicki non incidono

Buona prova di Grieco

Solo Carlino e Papagni tirano fuori le unghie

 

 XXI^ Giornata (20/01/2008)

dsc013641.jpg

Grottaglie (4-4-2): Laghezza; D´Amario, Solidoro, Camassa, Pirone; Marini, Marchi, D´Amblè, De Riccardis (79´ Favret); Chiesa (79´Piroscia), Lacarra (62´ Pastano). A disp.: Giannone, Fortugno, Di Donna, Carlucci. All.: Del Rosso.

H. Venosa (5-3-2): Castelgrande; Tranchino, Giunta, Musco, Carlino, Grasso; Conte, Papagni, Malagnino; Ciocia, Branicki. A disp.: Annunziata, Nano, Persichino, Baratto, Massaro, Piscopo, Di Tommaso. All. :Di Pasquale.

Arbitro: Valente di Roma 1. Assistenti: Galluzzi e La Via

Note: Ammoniti Piroscia (G), Malagnino (HV), Ciocia (HV) e Musco (HV).

Corner: 4 – 2; Recuperi: 1´+ 4´
 

 – COMMENTO E HIGHLIGTHS –

Legge ed interpreta magistralmente la partita il sito del Grottaglie (calciogrottaglie.it) quando, nell’immediato dopo gara, commenta il bel voto (7) al mister gialloverde Lello Di Pasquale. “Disegna – scrive l’acuto osservatore del portale baincazzurro – una squadra molto chiusa con un 3 – 5 – 2 elastico capace di chiudere bene tutti gli spazi. Non effettua sostituzioni e questo è un bene perchè la squadra e i meccanismi non andavano toccati … stratega”. 

In effetti l’undici del mister campano disputa una gara di difesa perfetta: occupa con precisione millimetrica ogni spazio della sua metà campo e, grazie ad un pressing continuo ed asfissiante su ogni portatore di palla biancazzurro, spegne sul nascere ogni possibile manovra pericolosa dell’undici di Del Rosso.

Il quale appare, almeno rispetto alla trasferta di Francavila, involuto e soprattutto incapace di rompere gli argini di un’Horatiana che sinora in trasferta non aveva affatto mostrato di essere formazione “granitica”.

Al “D’Amuri” di Grottaglie però l’H. Venosa ha dimostrato di poter invertire la tendenza: si chiude bene per tutta la gara e tenta, nella prima parte della ripresa, pure “il colpo grosso”. Non ci riesce ma va bene lo stesso: un punto a Grottaglie è risultato che si apprezza e che va valutato positivamente soprattutto rispetto ai risultati di giornate delle dirette concorrenti per la salvezza.   

Questi gli highlights principali così come tratti dai più importanti quotidiani regionali: 

15´- Prima azione di marca biancoazzurra: cross tagliato da sinistra di Pirone per l´accorrente D´Amblè che in tuffo, di testa, conclude in porta, trovando però un magistrale Castelgrande che, non senza difficoltà, blocca a terra;

18´- Rasoiata su punizione dal limite dello specialista Marchi: Castelgrande, che già da inizio partita decide di essere decisivo, si distende sulla sua destra e devia il pallone in corner, nonostante l’azione sia fermata dall’arbitro per fuorigioco;

19´- Strepitosa conclusione di prima intenzione dai venti metri di D´Amblè che di controbalzo picchia l’attrezzospedendolo sotto la traversa: Castelgrande è altrettanto sprepitoso e devia il pallone in corner;

36′ – Doppia conclusione di Chiesa che, dal limite dell’area ospite, tenta per ben due volte il tap in decisivo: sulla ribattuta ci riprova D´Amblè con un diagonale che si spegne debolmente sul fondo;

48´- Veloccissima ripartenza dell’H. Venosa: Ciocia dalla destra sciabola verso la parte sinistra dell´area per Malagnino, il quale controlla di petto e conclude di poco alto sulla traversa;

76´- Punzione dal versante sinistro di Marchi: stacco di testa di D´Amblè che, con la nuca, colpissce la sfera mandandola a sfiorare il palo alla destra del portiere lucano;

85´- Conclusione sporca dal limite di Piroscia che, su invito di D´Amblè, prova “la giocata” della partita: la palla, però, termina di una manciata di metri a lato del palo difeso da Castelgrande.

Il Quale è, senza ombra di dubbio, in assoluto il migliore in campo: salva a più riprese la porta della sua Horatiana Venosa e, prima di lasciare il posto al titolare Curci, dimostra di meritare la serie D non a caso e non da compriamario.  

di Donato Mennuti